Totò Riina: “Mai piaciuto Ciancimino, Licio Gelli dietro lui”

 

“Vito Ciancimino era di Corleone, suo padre stava al paese e lui invece e’ andato a Palermo e non e’ piu’ tornato al paese. A Palermo e’ diventato sindaco, ha fatto gli affari con le case. Dietro di lui c’era Licio Gelli”. Ecco le parole – in liberta’ – del boss corleonese Salvatore Riina, pronunciate durante una pausa del processo sulla trattativa Stato-mafia, lo scorso 30 marzo e “annotate” dall’assistente capo della polizia penitenziaria presente nella saletta del carcere di Parma. La relazione di servizio e’ stata ora depositata. Anche in quell’occasione – come da tempo succede – il boss si collega con l’aula bunker di Palermo accomodato su una lettiga, a causa delle precarie…
Leggi l’intero articolo su: http://www.grandangoloagrigento.it/toto-riina-mai-piaciuto-ciancimino-licio-gelli-dietro/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *