Piantagione di marijuana a Palma di Montechiaro, liberato Emanuele Burgio

 

E’ stato rimesso in libertà Emanuele Burgio, il bracciante agricolo di 24 anni, di Palma di Montechiaro, finito in manette nei giorni scorsi, insieme allo zio Francesco Cottitto, 41 anni, anche lui bracciante agricolo, perchè accusato di coltivazione ai fini dello speccio di sostanza stupefacente. Il gup del Tribunale di Agrigento, accogliendo le istanze presentate dall’avvocato difensore, Domenico Romano, ha disposto la liberazione del giovane, che si trovava agli arresti domiciliari, e che resta indagato a piede libero.
Nelle prossime ore vi sarà l’interrogatorio dello zio.

La vicenda è la seguente, alle prime luci dell’alba del 4 settembre scatta il blitz: la Polizia fa irruzione a Torre di Gaffe, agro di Licata, e in uno dei cinque tunnel…
Leggi l’intero articolo su: http://www.grandangoloagrigento.it/piantagione-di-marijuana-a-palma-di-montechiaro-liberato-emanuele-burgio/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *