Dal blitz “Proelio” (chiuse indagini) nuove accuse a Peppe Quaranta: ordinava estorsioni e progettava di rapinare ricco favarese per finanziare il traffico di cocaina

 

Sono 40 gli indagati dell’operazione “Proelio” (19 finiti in carcere e successivamente, con alterne fortune, hanno avuto modificato dal Tribunale del riesame la loro posizione) condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo di Ragusa che ha consentito di accertare che il clan di “Cosa nostra” operante a Vittoria e Comiso, negli ultimi anni, si era dedicato al traffico di cocaina, che acquistava dalla Calabria, da soggetti legati alle ‘ndrine’ operanti della piana di Gioia Tauro, per poi smerciarla in tutta la provincia di Ragusa e anche nella provincia di Agrigento.

L’indagine ha anche permesso di ricostruire i legami tra gli esponenti di “Cosa nostra vittoriese” e i clan della medesima organizzazione criminale operanti nella provincia di…
Leggi l’intero articolo su: http://www.grandangoloagrigento.it/dal-blitz-proelio-chiuse-indagini-nuove-accuse-a-peppe-quaranta-ordinava-estorsioni-e-progettava-di-rapinare-ricco-favarese-per-finanziare-il-traffico-di-cocaina/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *