Mafia, la Dda chiede: “Confiscate i beni al palmese Francesco Ribisi”

 

Richiesta di confisca di beni per il boss di Palma di Montechiaro, Francesco Ribisi, accusato e condannato per mafia e ritenuto uno dei nuovi capi di Cosa nostra agrigentina, almeno  per il periodo di tempo che va dal 2010 al 2012. La richiesta è partita dalla Direzione Distrettuale Antimafia questa mattina nel corso di una udienza tenutasi davanti ai giudici della prima sezionale penale misure di prevenzione. Durante la stessa udienza il pm ha chiesto cinque anni di sorveglianza speciale per il palmese. Tra i beni oggetto della stessa richiesta, due terreni, tre appartamenti, tutti a Palma di Montechiaro, intestati alla madre e al fratello Nicola, anche lui condannato per mafia negli anni passai, due società e cinque conti correnti bancari. La sorveglianza speciale sarebbe applicata…
Leggi l’intero articolo su: http://www.grandangoloagrigento.it/mafia-la-dda-chiede-confiscate-i-beni-al-palmese-francesco-ribisi/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *