LinkedIn bloccato in Russia, non rispetta la legge sullo stoccaggio dei dati

 

I social network sono stati una rivoluzione del nostro tempo, in grado di unire persone da una parte all’altra del mondo in un secondo come se le distanze e gli spazi geografici nazionali non esistessero, come se il mondo fosse tutto un solo, grande paese. Non è però esattamente così come sappiamo, le distanze tra le nazioni e tra i continenti sono spesso dell’ordine di centinaia e migliaia di chilometri e, in un’epoca di globalizzazione come quella attuale, i dati personali che registriamo per creare i nostri account social vengono conservati in database enormi allocati fisicamente in Paesi che quasi mai sono quelli di provenienza dell’utente.A molti questo può non interessare affatto, diverse persone, sicuramente, si fanno pochi problemi se i propri dati sensibili siano…
Leggi l’intero articolo su: http://ilblogmm.blogspot.com/2016/11/linkedin-bloccato-in-russia-non.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *