I sindaci dimissionari di Torchiarolo e Villa Castelli restano ai domiciliari. I titolari di Retservizi dal carcere ai domiciliari

 

Pasquale Leobilla ed Angelo Pecere, ritenuti di fatto i titolari di Reteservizi Srl ed arrestati lo scorso 23 ottobre nell’ambito dell’inchiesta Hydra con l’accusa di fare parte di un’associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, alla truffa e al finanziamento illecito ai partiti, dagli arresti in carcere sono passati ai domiciliari. Hanno risposto alle domande dei magistrati e presumibilmente hanno ammesso gli addebiti mossi a loro carico. Tra l’altro avrebbero ammesso di aver versato somme di denaro in favore di Nicola Serinelli, sindaco di Torchiarolo, (su richiesta di Maurizio Nicolardi, vice sindaco), di Vitantonio Caliandro, primo cittadino a Villa Castelli, di Giuseppe Velluzzi e Michele Zaccaria, capo dell’ufficio tecnico comunale a Squinzano. Per questo il gip…
Leggi l’intero articolo su: http://chiazzarande.blogspot.com/2017/10/i-sindaci-dimissionari-di-torchiarolo-e.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *