Agrigento, Teatro Pirandello: siamo tutti Gengè Moscarda, un esempio di vita che sconfigge la forma

 

Ho la netta impressione che siamo costretti ad aggiornarci.
Troppo facile dirsi berlinesi al cospetto del muro di Berlino come fece Kennedy e fin troppo facile dirsi “je suis Charlie Hebdo”.
Oggi il nostro “essere” è Vitangelo Moscarda di “Uno nessuno e centomila, il romanzo pirandelliano che al suo uscire in volume nessuno prese sul serio e, ci dicono le cronache, dovette aspettare trent’anni per il suo doveroso riconoscimento.
Oggi invece, il Vitangelo portato sulla scena del Teatro Pirandello da Enrico Lo Verso, ha riscosso immediati applausi e consensi, come altrove è avvenuto.
Merito del batti e ribatti (centocinquantennale) di Pirandello sulla scena?
Probabilmente si, visto che lo stesso scrittore diceva ai familiari “Vado spesso in…
Leggi l’intero articolo su: http://www.grandangoloagrigento.it/267476/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *